16 TEMI E 48 PROPOSTE

Una nuova città sta nascendo

 Reggio è diventata in questi anni punto di riferimento della rigenerazione urbana, della riqualificazione e del riuso. Lo stop alla crescita e la tutela del suolo agricolo e dei corridoi ecologici, consolidano un approccio al territorio orientato alla sostenibilità. Abbiamo raggiunto l‘80% di raccolta differenziata e siamo leader in Italia per km di piste ciclabili pro capite. Lo sforzo per il futuro è migliorare il nostro verde urbano, attraverso manutenzioni puntuali e qualità naturalistica. Dobbiamo combattere l’inquinamento della Pianura Padana e difendere e valorizzare i prodotti tipici della nostra agricoltura

  • Pianteremo 50mila nuovi alberi in città
  • Proporremo un patto territoriale e azioni virtuose condivise, orientate alla sfida ambientale, per candidare Reggio capitale verde d’Europa
  • Con il nuovo assessorato comunale all’Agricoltura, lavoreremo per diventare punto di riferimento in Italia dei prodotti bio, km 0 e dell’agricoltura periurbana

 Ambiente, Agricoltura e Sostenibilità

1

Educazione

A partire dall’eccellenza mondiale di Reggio Children, continueremo a rilanciare e ad investire sui bambini e le bambine, venendo incontro alle famiglie come abbiamo recentemente fatto con lo sconto di 400 euro sulle rette dei nidi. Reggio guarda all’educazione oltre l’obbligo scolastico: il futuro dei nostri figli dipende dalle opportunità che la comunità cittadina saprà costruire con loro. Il ruolo degli insegnanti, educatori, personale scolastico è prezioso e imprescindibile.

  • Destineremo più risorse per il contrasto dell’abbandono scolastico e investiremo sull’educazione civica
  • Reggio sempre più città universitaria, a partire dalla terza sede al Seminario, con nuovi studentati in città
  • Approveremo un piano straordinario di investimenti sull’edilizia scolastica

2

Le tre grandi opere già approvate negli scorsi mesi (Tangenziale nord, Bretella di Rivalta, Tangenziale di Fogliano) risolveranno alcuni nodi storici della viabilità reggiana. Il futuro è stare in campo per dare risposte ai tempi di percorrenza sull’asse nord-sud e risolvere le necessità delle frazioni sulla via Emilia

  • Abbiamo impostato il progetto per la tramvia Rivalta-Mancasale e per una “super ciclabile” da nord a sud
  • Realizzeremo un nuovo sottopasso veicolare tra via Chopin e la via Emilia in zona Pieve, per sveltire i tempi del percorso casa-lavoro
  • Chiederemo al Governo di finanziare la via Emilia bis per sgravare le frazioni di Cella, Cadè e Gaida e attuare soluzioni viabilistiche e di sicurezza per il traffico di Bagno e Masone.

Infrastrutture e Viabilità

3

Reggio Emilia crede nella cultura come motore dello sviluppo cittadino. A questo concorrono le istituzioni culturali ma anche il più vasto mondo dell’associazionismo culturale. Dalla Sala Verdi al nuovo teatro Ariosto, ai Musei, dalla Reggia di Rivalta sino alle Biblioteche, una grande stagione di recupero di contenitori di qualità offre nuove opportunità di collaborazione e performative, e nuove sinergie tra istituzioni e associazioni.

  • Raddoppieremo i fondi per l’associazionismo culturale
  • Cinema, musica, danza e fotografia: siamo pronti a lanciare a Reggio un distretto della produzione creativa
  • Realizzeremo un grande progetto di diffusione delle realtà culturali nella comunità, nei luoghi di lavoro, di studio, di vita quotidiana.

Cultura

4

Reggio esce dalla crisi globale con numeri che la qualificano tra le migliori città italiane ed europee. Ma ci sono fragilità nuove, sofferenze nel mondo del lavoro che non devono essere ignorate: asseconderemo le istanze di investimento produttivo generativo di occupazione di qualità e sviluppo economico. Il grande investimento nel Parco dell’Innovazione alle ex Reggiane porterà a regime la riqualificazione di un’intera area, 3 grandi capannoni e 1500 posti di lavoro in ricerca e sviluppo. La riqualificazione dell’area industriale di Mancasale ha cambiato volto al più grande insediamento storico produttivo della città.

  • Collaborazione e azioni permanenti tra istituzioni su lavoro e impresa
  • Riqualificazione delle aree industriali del Villaggio Crostolo, Corte Tegge e zona Annonaria
  • Un nuovo piano strategico per l’innovazione e l’attrattività delle aziende

Economia e Innovazione

5

Con i recuperi legati al progetto del Ducato Estense è stato riqualificato il quadrante sud dell’esagono, da Piazza Gioberti sino a Porta Castello. L’opera di ripavimentazione di piazze e vie storiche proseguirà, mentre i contenitori dei Chiostri di San Pietro e di San Domenico riportati a nuova bellezza possono costituire le coordinate per un piano di rilancio del quadrante nord del centro storico, fra via Roma e via Emilia San Pietro, fra la Stazione e il teatro.

  • Rilanceremo il bando facciate e appronteremo il nuovo bando vetrine
  • Istituiremo una cabina di regia per rivalutare Mercato Coperto, ex Opg e Carcere di San Tommaso come poli di attrazione
  • Che sia REstate tutto l’anno: proporremo un programma di eventi per vivacizzare l’esagono da ottobre a marzo

Centro Storico

6

L’impegno sul contrasto alle infiltrazioni mafiose proseguirà grazie al lavoro della Consulta per la Legalità, al tavolo interistituzionale con Prefettura e forze dell’ordine. Particolare attenzione verrà posta al tema dei beni confiscati. La nuova sede della Polizia Municipale in zona stazione porterà 200 agenti in uno dei quadranti più delicati della città.

  • Stiamo installando e installeremo telecamere Ocr e videosorveglianza in tutti i quartieri e frazioni della città
  • Assumeremo 30 nuovi agenti di Polizia Muncipale impegnati sulle strade reggiane
  • Estenderemo il controllo di vicinato in centro, in zona stazione e in quelle frazioni dove ancora non è presente

Sicurezza e Legalità

7

Il grande investimento sull’università proietta Reggio Emilia in una dimensione nuova, grazie anche alle migliaia di studenti fuori sede che arrivano in città. Occorre dare risposte alle esigenze degli under 30 in termini di spazi, servizi e opportunità, nella fascia di età che li accompagna fuori dalla scuola dell’obbligo, sino all’inserimento nel mondo lavorativo.

  • Verranno aperte cinque nuove aule studio per 300 posti
  • Estensione dell’apertura delle biblioteche
  • Piazza Scapinelli: aprirà uno spazio polifunzionale dedicato ai giovani e progettato con loro

Giovani

8

Reggio Emilia è la città del Tricolore e dei diritti. Incarnare la Costituzione significa applicarla nel quotidiano, in termini di contrasto alle discriminazioni, difesa dei più deboli, creazione di condizioni di parità vere. Questo vale dai diritti dei bambini a quelli delle donne, che ancora oggi in Italia percepiscono stipendi più bassi degli uomini. Un’ingiustizia che va sanata. Chi viene a Reggio per lavorare e integrarsi non deve essere vittima di campagne d’odio. Il colore della pelle e le autonome scelte nel campo dell’affettività non devono generare esclusione sociale. Nessuno deve essere lasciato indietro.

  • . Drastica diminuzione delle liste d’attesa per gli anziani non autosufficienti
  • Mai più over 60 soli: investimenti per l’installazione di ascensori e progetti di coabitazione
  • Proseguiremo nella realizzazione di vere condizioni di parità di accesso ai servizi

Welfare e Diritti

9

Allargheremo l’esperienza dei laboratori di quartiere e riporteremo i servizi di manutenzione nelle ville e nelle frazioni, perché siano più efficaci. Valorizzeremo tutte le forme di volontariato e di coprogettazione fra il Comune e i territorio: faremo interagire sempre più le proposte “dal basso” tra innovazione sociale, rigenerazione urbana, e creatività.

  • Istituiremo gruppi-consulte-consigli di quartiere e un nuovo ufficio piccoli eventi per i volontari
  • Garantiremo 100 spazi in città aperti alla collettività fra scuole, biblioteche e centri sociali
  • Promuoveremo nuove azioni economiche e sociali di collaborazione civica tra cittadini, volontari, mondo digitale, privato sociale, imprese e cultura.

Partecipazione e Collaborazione Civica

10

Gli anni che abbiamo alle spalle sono stati quelli dell’ampliamento del palasport di via Guasco, dell’intervento puntuale in tante palestre, campi da calcio, impianti sportivi minori che sono stati inaugurati e portati a nuova vita. Attorno al recupero di Santa Croce si stanno concentrando gli sforzi per il riuso di capannoni disabitati come sede di società, associazioni sportive e per la realizzazione di micro impianti al servizio delle realtà di base.

  • Realizzeremo un nuovo parco dello sport dal Campovolo a via Agosti
  • Lo sport come benessere: daremo vita a un patto con medici, insegnanti, società e palestre sugli stili di vita
  • Partirà un piano straordinario di manutenzione degli impianti esistenti, interni e outdoor

Sport

11

La tendenza diffusa all’acquisto di prodotti attraverso internet è un fenomeno che finisce per impoverire molti operatori locali. Occorre difendere negozi storici, esercizi commerciali reggiani e botteghe artigiane, perché creano posti di lavoro e identità: li supporteremo direttamente e creeremo le condizioni perché sempre più persone scelgano Reggio Emilia come meta nella quale trascorrere le proprie giornate e le proprie serate.

  • Garantiremo sostegno economico per nuove attività commerciali e sgravi fiscali per il riuso anche temporaneo degli spazi sfitti
  • Promuoveremo dehors (cioè le distese) in sede fissa per rendere Reggio viva anche nei mesi invernali
  • Realizzeremo un grande progetto sull’attrattività turistica e territoriale per far conoscere anche fuori le proposte culturali, gastronomiche e di ospitalità reggiane

Commercio e Attrattività Turistica

12

La sanità reggiana è di qualità ed è un fondamentale da difendere. Essa trova concretezza nella fusione Ausl-Santa Maria Nuova, nelle nuove Case della salute, nel Core. Trova cuore, passione e professionalità nella rete straordinaria di volontariato sanitario e nelle migliaia di medici, infermieri e operatori che ogni giorno rendono sicure e avanzate le cure sanitarie che sa garantire il nostro territorio.

  • Realizzeremo il nuovo ospedale materno infantile, il Mire
  • Verrà inaugurata la nuova Casa della salute nella zona est della città
  • Difenderemo in ogni sede il sistema universalistico e pubblico della sanità reggiana, con nuove collaborazioni e opportunità sul territorio regionale.

Sanità

13

La nostra città è tra le più connesse d’Italia per posa di fibra ottica, ed è l’unica dell’Emilia Romagna nella quale tutte le scuole di ogni ordine e grado e i centri di aggregazione pubblica sono dotati di fibra ottica a 1 giga. Ma non ci fermeremo qui: porteremo internet nelle frazioni dove gli operatori privati non investono, grazie al progetto Coviolo wireless, premiato come miglior progetto di connessione europeo per le aree rurali. Continueremo a promuovere il patto tra istituzioni, organizzazioni e privato sociale per colmare il divario digitale tra i cittadini.

  • Lavoreremo a un nuovo polo universitario di scienze digitali, per colmare la grande richiesta di figure professionali che viene dalle imprese del nostro territorio
  • Sperimenteremo nuovi sistemi digitali pubblici nei quartieri per sensori e internet delle cose e più servizi per i pagamenti on line.
  • Costruiremo nuove soluzioni per servizi di welfare ad alto contenuto digitale, a supporto di caregiver e anziani fragili, anche attraverso reti di sensori

Digitale

144

Sulla disabilità abbiamo “solo cominciato”: continueremo ad innovare il sistema dei servizi e le relazioni con il territorio, per una piena cittadinanza delle persone con disabilità. C’è bisogno di confrontarsi e progettare insieme alle persone che vivono le difficoltà quotidianamente, di sostenere le loro progettualità, di costruire risposte flessibili, di rinforzare le autonomie e la loro capacità di autodeterminazione. 

  • Allargheremo l’approccio utilizzato da “Reggio Emilia città senza barriere” a tutte le fragilità
  • Svilupperemo un progetto specifico di turismo accessibile caratterizzato da opportunità per persone con esigenze speciali, famiglie con bambini, anziani
  • Pari e nuove opportunità in questo campo per una piena attuazione dei diritti e del rispetto dello sviluppo, delle scelte e dei percorsi soggettivi e familiari di tutte le persone

Reggio Città Senza Barriere

15

Reggio deve continuare a investire nella sua proiezione internazionale in campo economico, culturale, educativo: vogliamo essere connessi al mondo e attrattivi di sapere, di investimenti, di talenti. La diversità non spaventa questa terra e l’incontro è il dialogo tra culture e saperi che farà crescere le future generazioni.

  • Continueremo investimento sulla progettazione e sulla relazione internazionale
  • Continueremo a crescere nella capacità di attrarre fondi europei
  • Il dialogo tra le culture e le religioni, il pieno riconoscimento dei diritti di cittadinanza faranno di Reggio un punto di riferimento europeo

Reggio Città Internazionale e del Dialogo Interculturale

16

SCARICA

IL PROGRAMMA COMPLETO

Comitato Luca Vecchi 2024 | Via Marsala 20 | Reggio Emilia

Committente Responsabile: Alfredo Medici